Perché ci piace il nostro riflesso nello specchio e la cornice casuale su cui scopriamo noi stessi è terrorizzata? Perché siamo più suscettibili alle critiche che alla lode? È così male essere nella media? Sulle leggi che aiuteranno a rafforzare la fede in te stesso, sostiene la blogger Brianna Vist.

Ci percepiamo diversamente dagli altri. Penso che si tratti di stereotipi, pregiudizi e atteggiamenti errati che impariamo per tutta la vita. Per affrontarli, ricorda diversi schemi.

1. Meno spesso ti vedi reale, più forte la percezione di sé soffre

Forse non ti piacciono quasi mai te stesso nelle fotografie e non ti piaci quando stai cercando di celebrarti sui social network. Pensaci, è improbabile che tu valuti anche rigorosamente le foto di un altro, anche se capisci che non ha funzionato troppo bene. Ciò significa che quelli intorno a te sono più condiscendenti per te di te stesso. Questo è il primo.

Secondo. In psicologia, esiste una cosa del genere: “l’effetto del riconoscimento”. Più spesso vedi qualcosa, più tollerante ti relagi. Sei abituato a vederti allo specchio, sei abituato a un certo punto di vista e sembri diverso nelle fotografie. L’immagine è insolita, e quindi sembra che nella vita sei peggio di quanto tu sia usato per contare.

I social network esacerbano solo la situazione: qui puoi scegliere cosa condividere. E più spesso pubblichi foto scattate da un angolo “di successo”, più velocemente dimentichi quello che sei veramente e più sei arrabbiato quando vedi una cornice “senza successo”.

Non credere che il motivo sia solo in questo? Prova a guardare le tue foto “senza successo”. Credetemi, prima o poi ti abituerai e smetteranno di infastidirti. Forse anche tra i preferiti. A proposito, quindi, le fotografie in cui non ci piaceva in gioventù ora sono nulla, siamo solo abituati a loro.

2. Le persone intelligenti e riflessive sono più suscettibili all’effetto dello spostamento negativo

Questo effetto spiega perché crediamo che il male di noi stessi che il bene, andremo in cicli in un’osservazione critica se il resto è elogiato da. Perché addensare deliberatamente i colori invece di credere che la situazione sarà risolta bene. Il fatto che tu dubiti sempre di te stesso, che tu sia una persona degna e che tu sia in grado di offrire qualcosa a questo mondo, suggerisce che sei migliore di quanto pensassi. Le persone che non sono inclini alla riflessione, tali dubbi non sono caratteristici.

3. È quasi impossibile raggiungere la tavola pianificata stabilita dalla società

Alcuni decenni fa, il “successo” potrebbe essere considerato quello che era dove vivere e cosa c’è. Se allo stesso tempo è stato possibile iniziare e mantenere una famiglia – la vita ha avuto sicuramente successo.

Ma il mondo è cambiato. Oggi siamo imposti ad altri standard di ciò che dovrebbe essere la nostra vita, ed è quasi possibile rispettarla. Devi prepararti, come uno chef, a vestirsi, come fashion blogger, senza problemi per entrare nelle cose che sono state indossate all’istituto, entrare nel 10% dei migliori dipendenti e non dimenticare di condividere le

relazioni ideali con altri rapporti fotografici sui loro viaggi e cronache.

Se non fosse per i social network, ti ​​confronteresti con coloro che sono al massimo affrontati nella vita reale e non ti sentiresti così persi.

4. Ci viene insegnato che essere “medi” è cattivo, ma è assurdo

Sebbene la maggior parte dimostra gli indicatori medi di intelligenza o creatività, molti di noi si considerano se non in essere, quindi almeno più in alto della media. Puramente statisticamente è impossibile. Molto probabilmente sei normale. Sei piuttosto attraente, ma non sei distinto per un aspetto modello, guadagni, ma non fare il bagno in denaro, meglio affrontare i doveri rispetto ad alcuni colleghi, ma non il miglior dipendente del mondo.

E tutto non sarebbe nulla, ma la “media” oggi è percepita come un insulto, come sinonimo di “niente di unico”. In effetti, puoi essere medio, ma l’unico e unico, te stesso. Il fatto che tu sia medio non annulla le tue caratteristiche, i punti di forza e le debolezze, ciò che ti rende.

5. Nell’era digitale, ci sentiamo sotto i riflettori

Pensiamo a noi stessi sempre più spesso di chiunque altro, valutiamo la vita in base ai criteri che gli altri difficilmente userebbero gli altri. Ci sembra che tutti capiscano quanto siamo imperfetti, ma la maggioranza pensa solo a se stessi come noi. Questo è chiamato “effetto Spotlight”, nasce a causa della colpa dei social media. Credendo erroneamente che tutti quelli con cui la vita stia pensando a noi, iniziamo a comportarci come se fossimo celebrità sotto la vista delle telecamere, ma non è così.

6. Ciò che vediamo gli altri, spesso la proiezione della nostra percezione di noi stessi

Non è facile essere d’accordo con questo, ma dobbiamo capire: non sappiamo e probabilmente non sappiamo mai con certezza che gli altri pensano a noi e alle nostre vite. Possiamo solo supporre. Il riassunto è in gran parte costruito su ipotesi su come gli altri ci vedono. Dato questo, ricorda: le ipotesi sono solo un riflesso di come ci relazioniamo con noi stessi.